h1

Spielberg Sci-fi Pilot: Prima review della sceneggiatura

marzo 26, 2010

Pubblicata dal sito “Coming Attraction” la prima review della sceneggiatura, scritta da Robert Rodat, del pilot della nuova serie di Noah Wyle, abbiamo tradotto qualche punto per voi.

  

Cominciamo con il dire che l’idea di Rodat, sviluppata anche con Spielberg, è dannatamente interessante per il modo in cui guerra e battaglia sono utilizzate per affrontare la gamma delle emozioni umane….Dopo aver letto la sceneggiatura di questo pilot, ora posso dire che Rodat non ha scritto un altro Indipendence Day. Se volete avere in poche parole il senso del mondo immaginato da Rodat, immaginatevi come scenario le scene post apocalittiche di devastazione del futuro nel primo Terminator …..Nella visione che Rodat ha del giorno dopo l’invasione la civilizzazione è sul punto di collassare e non c’è nessun messia generato da un paradosso temporale o  gli eroismi di Will Smith/Jeff Goldblum all’orizzonte. Il futuro dell’umanità è scritto nel sangue e non sono rimaste molte altre pagine nella storia. E’ difficile classificare Tom Mason, il personaggio che Noah Wyle è chiamato ad interpretare, come l’eroe della storia. Certamente si tratta del protagonista della storia, del personaggio centrale, ma tutti i personaggi concepiti da Rodat in questo script di 45 pagine, possono in qualche misura definirsi degli eroi, perchè sono impegnati nella battaglia per la loro sopravvivenza. Quando incontriamo Tom Mason è esattamente come gli altri: resiste come può all’invasione aliena, combatte in una guerriglia con quel poco di armi che ha a disposizione. Conta i morti. Corre per la sua vita quando giungono i rinforzi nemici. Riporta ai suoi superiori le perdite subite nel corso di tutti gli scontri con il nemico. Usa poche parole perchè è un modo per sopravvivere, di rimanere vivo, di trovare il cibo, rimanere sano di mente quando il mondo in cui tu e i tuoi figli vivevate solo un anno prima è del tutto andato..

Attenzione non leggete oltre se non volete leggere spoilers (anticipazioni) sulla trama.

….Il modo con cui Rodat ha deciso di iniziare questo pilot ed introdurci questo  mondo è grandiosa. Si sono viste dozzine di film in cui gli alieni arrivano e distruggono ogni cosa ma abbiamo visto poco della prevedibile decadenza dopo che le bombe sono lasciate cadere e i sopravvissuti sono lasciati a razionalizzare l’orrore se intendono sopravvivere. Nei primi cinqui minuti del pilot non ci sono effetti speciali, neanche una breve scena con le astronavi aliene che atterrano sul  nostro pianeta…..Invece possiamo udire le voci di alcuni bambini del campo di Tom che parlano delle loro peggiori paure con Anne Glass, un’altra sopravvissuta, che era una terapeuta nella sua vita passata. Lei cerca di dare tutto l’aiuto medico e psicologico che può a questi bambini, alcuni dei quali sono rimasti orfani.
Attraverso l’uso della voce fuori campo e i disegni che questi bambini hanno fatto su pezzi di carta trovati in giro, noi scopriamo cosa è accaduto da principio quando le astronavi sono arrivate e il mondo ha atteso di vedere come sarebbe stato questo primo contatto. Vediamo i bambini disegnare tre enormi astronavi, le tempeste di fuoco che sono seguito all’atterraggio, i corpi dei morti che erano loro vicini di casa, compagni di scuola e parenti. I mostri fuoriusciti dalle astronavi. E poi ci sono i disegni delle persone con cui ora i bambini vivono, i sopravvissuti che ora lottano con armi ed esplosivi e con qualsiasi altra cosa che possa ferire od uccidere gli alieni. E’ un esordio potente, che ci consente in 5 minuti di capire di cosa tratterà l’intera serie.

Quanto agli alieni, l’autore della recensione, ci dice come non siano descritti da Rodat, che si limita a sottolineare come siano diversi da “noi” e come questo serva ancora di più a creare l’atmsfera del pilot, dove, noi stessi, nelle scene di battaglia, non sappiamo cosa vadano incontro i nostri protagonisti.

Se volete saperne di più consultate questo sito.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: